In Inghilterra in famiglia. Un’esperienza possibile anche per i più piccoli.

Uno dei metodi migliori per praticare e migliorare la lingua inglese durante una vacanza studio é vivere presso una famiglia.

Come ho già avuto modo di spiegare, non credo molto nelle vacanze di gruppo dall’Italia con sistemazione in college.

L’esperienza in famiglia richiede però una certa autonomia e spirito di adattamento , quindi si rivolge a ragazzini già grandi.

COME FAR VIVERE L’ESPERIENZA IN FAMIGLIA A UN BAMBINO O UN RAGAZZINO DELLE MEDIE ?

Noi quest’ anno abbiamo sperimentato una soluzione ideale sia per i bambini che per gli adulti.

Io e mia figlia undicenne stiamo alloggiando presso una host family inglese. Si tratta di una coppia di pensionati, lei insegnante e lui bancario.

Sono molto carini, interagiscono con noi e ci consentono di utilizzare il giardino, la cucina e le altre parti della casa a nostro piacimento. Noi abbiamo la nostra camera ma loro ci preparano la colazione e sono disponibili a fare due chiacchiere, a prendere il tè insieme e a fornirci indicazioni sui luoghi da visitare nei dintorni.

COME MI E’ VENUTA QUESTA IDEA?

Ho iscritto mia figlia a un day camp in Inghilterra ( ne parlerò in un prossimo post). In passato le mie figlie avevano già frequentato camp all’estero ma  viaggiavamo con tutta la famiglia e ci era parso più comodo e funzionale affittare un intero appartamento.

Quest’anno siamo partite solo in due e , invece di affittare una casa ho  cercato una stanza in affitto su airbnb . Ho pensato infatti che sarebbe stata per entrambe  un’ottima opportunità per praticare la lingua e vivere le abitudini di una famiglia inglese.

COME HO TROVATO LA FAMIGLIA?

Sempre su airbnb, dove di solito affitto le case per vacanze .

Il Camp che frequenta mia figlia é a Wimbledon, quindi ho concentrato la mia ricerca in quella zona.

Le offerte erano tantissime, quindi ho dovuto operare una selezione in base alle foto, all’ubicazione e alla composizione della famiglia ospitante. A noi interessava che la casa avesse un  giardino, che non ci fossero bambini troppo piccoli e che ci fosse l’uso della cucina.

Il primo consiglio é quello di leggere attentamente le recensioni. Da quelle si capisce già chi decide di ospitare solo per denaro e chi lo fa anche per avere interazione con gli ospiti, perché ama relazionarsi con gli altri e accogliere gente.

Il secondo consiglio é quello di scambiare un paio di mail con gli host. Io ho scritto a sei famiglie e, sulla base delle mie esigenze e dal tipo di risposta ricevuta, ho fatto la mia scelta.

Oltre alla camera nella nostra tariffa é inclusa anche un’ abbondante colazione, con latte ,yogurt ,cereali e marmellate fatte in casa dalla padrona con i frutti del suo giardino.

Al nostro arrivo il padrone di casa ci é venuto a prendere in stazione. Ci ha anche fatto fare in auto un tour di Wimbledon, ci ha mostrato dove sono le varie stazioni , negozi, ristoranti e dove é ubicata la scuola sede del Camp.

Trovo che questa soluzione sia molto comoda per diversi motivi.

Oltre a permettere di praticare  quotidianamente la lingua, vivere insieme a una famiglia permette di ricevere suggerimenti su luoghi da visitare, indicazioni per gli spostamenti e tutte quelle piccole informazioni utili quando si vive in un luogo che non si conosce.

E’ inoltre una soluzione molto più economica rispetto all’alloggio in hotel o all’affitto di un’intera casa.

Infine , sperimentare modi di vita, abitudini alimentari, orari diversi dai nostri  é sicuramente un arricchimento culturale importante, specie per i più piccoli.